Il museo

Il museo che si muove

Share

Il Museo d’arte moderna e contemporanea “Aurelio De Felice” è un museo che si muove, aperto, dinamico, una realtà poliedrica che fa tesoro delle esperienze e immagina il futuro. Il Museo d’arte moderna e contemporanea “Aurelio De Felice” è parte integrante del CAOS – Centro Arti Opificio Siri, un ampio e innovativo polo culturale che comprende inoltre il Museo archeologico, il teatro “Sergio Secci” e il FAT, caffetteria-palcoscenico di eventi legati alle diverse arti. Il CAOS nasce dal recupero e dalla riqualificazione degli spazi dell’ex fabbrica chimica SIRI, configurandosi come un paradigma nel campo delle riconversioni di aree industriali dismesse in ambito urbano: da fabbrica chimica a fabbrica della cultura.

Il Museo d’arte moderna e contemporanea “Aurelio De Felice” è un museo in continuo movimento. Dal nucleo della collezione preesistente che dipana un’interessante trama artistica dal basso Medioevo in poi, con punte di assoluta eccellenza, si giunge all’esplorazione del Novecento con le sue sperimentazioni, fino a mettere in gioco le estetiche più attuali con nomi affermati e giovani emergenti in un dialogo sempre aperto a nuovi approdi. Da questa “esuberanza” nasce il progetto TAM – Terni Art Mapping, che porta il museo fuori dalle sue mura in una compenetrazione con lo spazio urbano.

Terni Art Mapping genera connessioni tra le opere del museo e quelle dell’arte urbana, suggerisce percorsi tematici e offre ai visitatori la possibilità di concepire il proprio, personale itinerario di scoperta. TAM è l’innovativo strumento studiato per vivere un’esperienza unica nell’arte, a passeggio tra il Museo “Aurelio De Felice” e quello a cielo aperto della città che sorprenderà per la sua straordinaria ricchezza: sculture, opere di design, visioni di street artists internazionali e di architetti illustri problematizzano, ridisegnano, impreziosiscono lo spazio urbano in un racconto che resta comunque aperto.